Commento al Vangelo di Mercoledì 1 Aprile 2020

“In quel tempo, Gesù disse a quei Giudei che gli avevano creduto: «Se rimanete nella mia parola, siete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi». Gli risposero: «Noi siamo discendenti di Abramo e non siamo mai stati schiavi di nessuno. Come puoi dire: “Diventerete liberi”?».”

Probabilmente anche noi, come questi Giudei, pensiamo di essere liberi perché, anche se in questo periodo storico non è così, possiamo andare dove vogliamo e fare ciò che più ci piace. Ma la Parola che il Signore ci dona oggi, spinge a chiedersi se sia davvero così. Sono veramente libero? Dovremmo fare sinceramente i conti con questa domanda, perché ne va della nostra vera libertà. Se guardo alla mia vita, mi rendo conto di come io non sia poi così libero. E faccio esperienza di questo quando mi allontano da Dio, dalla Sua Parola, quando non agisco da figlio. Certo, la libertà non è gratuita come fa intendere il mondo. Costa fatica, rinunce. A volte c’è da tagliare qualcosa, altre da accogliere qualcos’altro. Credo che questa quarantena sia una grande occasione per esprimere la vera libertà. Se ne approfitteremo per allenarci a stare nella Sua Parola, ci renderemo conto che saremo liberi anche se reclusi, perché avremo scelto ciò che rende davvero felici. 

#IndialogoconTe

Gv 8,31-42

Se il Figlio vi farà liberi, sarete liberi davvero.

+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse a quei Giudei che gli avevano creduto: «Se rimanete nella mia parola, siete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi». Gli risposero: «Noi siamo discendenti di Abramo e non siamo mai stati schiavi di nessuno. Come puoi dire: “Diventerete liberi”?».

Gesù rispose loro: «In verità, in verità io vi dico: chiunque commette il peccato è schiavo del peccato. Ora, lo schiavo non resta per sempre nella casa; il figlio vi resta per sempre. Se dunque il Figlio vi farà liberi, sarete liberi davvero. So che siete discendenti di Abramo. Ma intanto cercate di uccidermi perché la mia parola non trova accoglienza in voi. Io dico quello che ho visto presso il Padre; anche voi dunque fate quello che avete ascoltato dal padre vostro».

Gli risposero: «Il padre nostro è Abramo». Disse loro Gesù: «Se foste figli di Abramo, fareste le opere di Abramo. Ora invece voi cercate di uccidere me, un uomo che vi ha detto la verità udita da Dio. Questo, Abramo non l’ha fatto. Voi fate le opere del padre vostro».

Gli risposero allora: «Noi non siamo nati da prostituzione; abbiamo un solo padre: Dio!». Disse loro Gesù: «Se Dio fosse vostro padre, mi amereste, perché da Dio sono uscito e vengo; non sono venuto da me stesso, ma lui mi ha mandato».

Parola del Signore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...