Commento al Vangelo di Lunedì 13 Aprile 2020

“Allora Gesù disse loro: «Non temete; andate ad annunciare ai miei fratelli che vadano in Galilea: là mi vedranno».”

Tornare al luogo del primo incontro con Gesù. Per capire qualcosa della Pasqua ed esserne annunciatori gioiosi e autentici, c’è bisogno di tornare a quando la nostra relazione con Lui è cominciata, alla nostra prima e personalissima resurrezione. Un po’ come per la relazione con la persona che ami, affinché il fuoco non si spenga abbiamo la necessità di fare memoria di come quel fuoco si è acceso. «Dite così: “I suoi discepoli sono venuti di notte e l’hanno rubato, mentre noi dormivamo”. E se mai la cosa venisse all’orecchio del governatore, noi lo persuaderemo e vi libereremo da ogni preoccupazione». In questo percorso a ritroso troveremo certamente tante “fake news” che hanno tentato di dissuaderci dal seguire Gesù, dal credere alla Sua Presenza, al Suo Amore per noi, alla Sua Resurrezione. Dall’inizio della creazione fino ai giorni nostri, passando per il Vangelo di oggi, la bellezza unica di questo rapporto è minacciata. La luce dà fastidio a chi si è abituato al buio. Questo riguarda anche noi, perché anche a noi spesso dà fastidio la luce di Cristo. Penso a tutte quelle situazioni quotidiane in cui ci restiamo impantanati nel nostro orgoglio e rinunciamo a essere felici. Sappiamo qual è la verità, sappiamo che quel suggerimento di felicità è autentico (perché il cuore non comanda ma sa riconoscere la verità), però scegliamo di non credere ad esso. 

Avremo sempre da combattere con le false notizie. Non crediamoci e non facciamoci scoraggiare. Ma soprattutto non temiamo. Il Signore è Risorto e noi lo sappiamo. 

#IndialogoconTe

Andate ad annunciare ai miei fratelli che vadano in Galilea: là mi vedranno.

Dal Vangelo secondo Matteo

Mt 28,8-15

In quel tempo, abbandonato in fretta il sepolcro con timore e gioia grande, le donne corsero a dare l’annuncio ai suoi discepoli. Ed ecco, Gesù venne loro incontro e disse: «Salute a voi!». Ed esse si avvicinarono, gli abbracciarono i piedi e lo adorarono. Allora Gesù disse loro: «Non temete; andate ad annunciare ai miei fratelli che vadano in Galilea: là mi vedranno».

Mentre esse erano in cammino, ecco, alcune guardie giunsero in città e annunciarono ai capi dei sacerdoti tutto quanto era accaduto. Questi allora si riunirono con gli anziani e, dopo essersi consultati, diedero una buona somma di denaro ai soldati, dicendo: «Dite così: “I suoi discepoli sono venuti di notte e l’hanno rubato, mentre noi dormivamo”. E se mai la cosa venisse all’orecchio del governatore, noi lo persuaderemo e vi libereremo da ogni preoccupazione». Quelli presero il denaro e fecero secondo le istruzioni ricevute. Così questo racconto si è divulgato fra i Giudei fino a oggi.

Un pensiero riguardo “Commento al Vangelo di Lunedì 13 Aprile 2020

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...